Home » Coronavirus: si pensa al Natale, possibilità di passarlo con i parenti stretti

Coronavirus: si pensa al Natale, possibilità di passarlo con i parenti stretti

Coronavirus Italia: rallenta il numero dei contagi, ma è ancora emergenza

A circa un mese dal periodo natalizio, si pensa al primo Natale all’era del Coronavirus. Sia il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che Roberto Speranza, Ministro della salute, stanno pensando ad una soluzione per limitare spostamenti “inutili”. Resta comunque l’ipotesi di poter passare le festività con i parenti più stretti, per cercare di trascorrere in tranquillità – per quanto possibile – almeno quei giorni di festa. Il numero dei contagi, nelle ultime 24 ore, è di 23.227, poco più di due giorni fa ma inferiore rispetto all’ultima settimana. Per questo Mercoledì 25 Novembre sembra essere prevista un’assemblea per discutere delle feste che arriveranno e per fare il punto della situazione.

Coronavirus: preoccupazione impianti sciistici

In vista di Dicembre, a preoccupare maggiormente il Governo sono gli impianti sciistici e un sovraffollamento durante il periodo Coronavirus in Italia. Si teme infatti che, con l’apertura delle piste da sci,  si possano creare assembramenti difficile da gestire. Chiaramente l’intenzione è quella di parlare con le regioni – soprattutto quelle interessate – per trovare un punto di incontro.

Senza dubbio il Ministro della salute – e i membri del Governo – si rende conto che dietro a queste attività ci sono professionisti, lavoratori, uomini e donne, genitori con bambini a carico. Perciò la soluzione migliore sarebbe poter aiutare queste famiglie, evitando situazioni analoghe a quelle avvenute nel periodo estivo, durante i mesi più caldi.

Così si potrebbe verosimilmente optare per l’apertura moderata degli impianti da sci, con una frequenza del 50% e un limite massimo di persone su funivie e seggiovie, per ciò che concerne la zona rossa. Per zona gialla e zona arancione rimangono comunque dei limiti, anche un po’ meno severi, con un costante controllo, onde evitare situazioni di affollamento.

Sembrano essere queste le linee “guida” per combattere il Covid-19 in vista della settimana bianca.

La bozza definitiva dovrà però essere discussa – e modificata nei minimi dettagli – nei prossimi giorni, in modo da garantire a proprietari e gestori delle strutture sciistiche le giuste indicazioni quanto prima.

Laureato in Scienze Umanistiche con indirizzo in Lettere Moderne, grande appassionato di scrittura, in particolare di poesia.