Home » Applicazione metodi della Service Innovation

Applicazione metodi della Service Innovation

Quanti e quali sono i Metodi della Service Innovation?

concetto di esperienza

 

METODO 2: I DRIVER DEL CAMBIAMENTO

Con questo metodo andiamo ad analizzare i vari cambiamenti che potrebbero riguardare l’azienda/l’organizzazione che stiamo prendendo in considerazione. La prima cosa da fare quindi è individuare le aree in cui avvengono ed avverranno i cambiamenti. Tra le aree che potremmo evidenziare: socio-culturale, ambientale, politica, tecnologica e così via. Dopodiché andremo ad indicare i vari archi temporali in cui ipotizziamo avverranno i cambiamenti che corrisponderanno alle aree scelte precedentemente.

 

METODO 3: MAPPATURA DELL’ECOSISTEMA DEI SERVIZI

Questo metodo è volto ad analizzare i vari attori che interagiscono all’interno di un ecosistema di innovazione. Innanzitutto il team dovrà creare delle specifiche card per ogni attore coinvolto, in cui verranno elencate le varie caratteristiche, per poi porle all’interno di cerchi concentrici in cui al centro verrà posta l’impresa che stiamo analizzando, si indicheranno poi con delle frecce le connessioni che intercorrono tra i vari attori. Questo tipo lavoro verrà effettuato sia per quanto riguarda l’analisi di un ecosistema di servizi attuale sia per uno futuro, come quindi andranno a cambiare le varie Card.

 

METODO 4: L’ESPERIENZA DELL’UTENTE

Attraverso l’applicazione di questo metodo si va ad analizzare l’esperienza di un determinato utente ideale e/o utente da incubo; tramite la conoscenza di esperienze personali dei vari utenti, possiamo mettere in risalto eventuali punti di forza ed eventuali punti di debolezza, permettendo così al management di migliorare le problematiche che emergono dall’esperienza ed ottimizzare sempre più i punti di forza.

 

METODO 5: CREAZIONE DI UNA STORYWORD

Questo metodo è volto ad analizzare il mondo circostante all’utente che vogliamo analizzare. Vanno quindi create varie caselle cui verranno inseriti: backstory dell’utente, l’obiettivo, i problemi e le soluzioni ecc..

 

METODO 6: SEGMENTAZIONE PER SIGNIFICATO

L’applicazione di questo metodo permette ad un team di segmentare l’utenza secondo delle variabili che si decide di analizzare. In questo modo possono essere messi in evidenza quei determinati tipi di segmenti che potrebbero riscontrare delle problematiche con l’approccio al servizio di cui ci stiamo occupando.

 

METODO 7: MAPPATURA DELLE OPPORTUNITA’

Questo metodo spinge il team a comprende un determinato cambiamento sulla base di vari fattori in un orizzonte temporale specifico. Produce un quadro semplificato che ordina le attuali comprensioni e ipotesi del team. Mette quindi in luce le relazioni tra il cambiamento dei comportamenti ed altri cambiamenti nell’ambiente operativo. 1. Individuare il problema (utile è il metodo 2) ; 2. Intervallo di tempo in cui si sta valutando il cambiamento.

 

METODO 8: DEFINIZIONE DEL PROBLEMA

Grazie a questo metodo è possibile mettere in risalto un determinato tipo di problema che le persone/segmenti di utenza, potrebbero riscontrare nell’utilizzare il servizio. Vanno successivamente individuati i segmenti e il team, mediante una visione condivisa, dovrà proporre una soluzione al problema posto ed infine quale sarà la conseguenza al tipo di soluzione scelta.

 

METODO 9: BOZZA

Questo metodo può essere utilizzato in modi diversi, individualmente o in gruppo. L’idea di base è quella di ABBOZZARE aspetti diversi di una possibile soluzione/idea/servizio etc.

A seconda del contesto, gli attori possono disegnare i punti di contatto con cui altri attori (ad esempio i clienti) interagirebbero con il servizio all’interno del nuovo ecosistema di innovazione. I touchpoint possono essere:

  1. Pagine web, volantini, app per smartphone, e-mail, messaggi di testo, segnaletica.
  2. Ambienti e luoghi come case, uffici, cliniche, caffè, scuole o negozi.
  3. Spazi pubblici: parchi, sport, centri sociali, fermate degli autobus.

 

METODO 10: RACCONTARE LA STORIA

Questo metodo aiuta il team a creare una storia che segua una struttura consolidata in 3 fasi, inoltre aiuta il team a consolidarsi coinvolgendolo nella creatività e nel sense-making, utilizzando i risultati per riflettere sulle implicazioni future. Mostra quale sia il problema rappresentato ed una possibile soluzione ad esso in un particolare momento nel tempo. Chiede al team di collegare concetti generanti per soluzioni, rappresentazioni di problemi. Il team deve scegliere un personaggio di cui raccontare una storia  (potrebbe essere anche un oggetto e non per forza un utente). Si possono anche usare i personaggi utilizzati durante l’applicazione del metodo 5.

QUESTO METODO E’ VOLTO AL RACCONTO DI UNA STORIA SUL CAMBIAMENTO CHE VUOI CHE AVVENGA.

1° ATTO: configurare il problema/sfida e come e perché è importante per qualcuno.

2° ATTO: descrizione del cambiamento.

3° ATTO: descrizione del risultato del cambiamento.

 

METODO 11: PIANIFICAZIONE DEL PROTOTIPO E PROGETTAZIONE GIOCHI

Questo metodo aiuta il team a capire dove si trova e cosa ha bisogno di esplorare ulteriormente per rispondere alle proprie domande. Fornisce un framework per plasmare future analisi della prototipazione e per esplorare concetti e conoscenze emergenti.

Bisogna riassumere le domande che i componenti del team riscontrano.

RISULTATI    INTUIZIONI    CONCETTI   DOMANDE

PROBLEMA 1.

PROBLEMA 2.

PROBLEMA 3.

 

METODO 12: PROGETTAZIONE DEL SERVIZIO (SERVICE BLUEPRINTING)

Questo metodo mostra come un servizio esiste nel tempo e nello spazio attraverso le interazioni degli utenti o dei clienti, delle persone nella loro vita quotidiana, del personale di servizio e altri, e delle funzioni delle organizzazioni coinvolte. La progettazione può essere utilizzata per analizzare un servizio esistente o per abbozzarne uno futuro. La progettazione (blueprinting) mette in evidenza l’esperienza di un segmento di utenti e come la capacità del segmento si connette con le operazioni e le infrastrutture delle organizzazioni coinvolte. Ci sono 3 aree da analizzare:

  1. Esperienza: quello che i segmenti faranno, diranno, penseranno e conosceranno durante gli incotri del servizio
  2. Backstage: quello che accade all’interno dell’organizzazione coinvolta
  3. Infrastrutture: le altre risorse organizzative necessarie all’esistenza dell’esperienza del servizio.

Importante è analizzare anche i: punti di decisione, punti di errore, capacità (quali sono le conoscenze essenziali, le abilità e le risorse richieste dagli utenti o clienti.

 

METODO 13: CREARE UN FRAMEWORK DEI RISULTATI FUTURI

Lo scopo di questo metodo è quello di aiutare e ad esplicare i segmenti target su cui ci si vuole concentrare o su cui bisogna lavorare, e i risultati che le imprese, i servizi ed il prodotto potrebbero avere. Per ogni segmento analizzato bisogna descrivere i risultati a cui si spera di lavorare. Il risultato è un cambiamento continuo in base a comportamenti o pratiche. Una volta individuati i segmenti da analizzare, dobbiamo definire gli indicatori che si pensa possano aiutare a fornire la prova che questi risultati sono stati raggiunti. Bisogna poi, in un’altra colonna, raccogliere i dati che sono stati utili per ogni indicatore. (analisi di mercato, ect..).

 

METODO 14: DEFINISCI I PRINCIPI DI PROGETTAZIONE

Questo metodo aiuta un team a catturare i principali attori coinvolti nella creazione di un nuovo servizio, impresa o prodotto. L’utilizzo del metodo produce un elenco semplice ma potente che cattura l’attuale composizione di ciò che il team andrà a modellare, il modo in cui gli attori co-creano valore all’interno di nuovo ecosistema di servizi emergenti.

Innovation and International Management student and Web Developer.